benzonifabrizio
Sto caricando...

Il carcere, lo sport e le iniziative di recupero

Chi mi segue sui social lo avrà notato.

Negli ultimi mesi sono state oramai quasi una decina le occasioni per entrare nelle case penitenziarie bresciane (Canton Mombello e Verziano): radio, festa della musica, spettacoli teatrali, premiazioni sportive.



Ho imparato, soprattutto da ascoltatore di "Dietro le Sbarre", programma radiofonico di Radio Brescia Sette, quanto lo Sport diventi fondamentale all'interno del carcere. Non solo per sfogarsi e tenersi in forma, ma perchè risulta l'appuntamento che scandisce le giornate, il più importante della settimana, quello da attendere. 

Ecco perchè alcuni progetti, come quelli di UISP, di tornei sportivi misti fra scuole e carcerati, rende ancora più importanti questi appuntamenti. Perchè permette ai carcerati di venire a contatto con giovani provenienti dall'esterno, di scontrarsi con loro sportivamente ma soprattutto di far cadere tanti tanti tanti stereotipi su carcere e detenuti da parte di chi proviene dall'esterno.

E' molto stimolante venire a contatto con gli studenti subito dopo che sono entrati in carcere: alcuni di loro dichiarano che si sarebbero aspettati i carcerati tutti in tuta arancio, altri le guardie con armi puntate a difenderli e invece... E invece quando si gioca a calcio o pallavolo, spesso si fatica a comprendere quale sia la squadra dei detenuti e quale quella degli studenti. Indicativo che le principali scuole che partecipano al progetto siano quelle i cui professori insegnano anche in carcere.




A Bollate è presente la prima squadra calcistica d'europa formata da carcerati che partecipa ad un regolare campionato di calcio, trasferte incluse.

Chissà che non sia solo un primo esempio, esportabile anche da noi.. 

O chissà, magari immaginare un'amichevole con il Consiglio Comunale, cosi da far cadere qualche stereotipo anche li!
Reazioni: 
verziano 3344957505992027486

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti