benzonifabrizio
Sto caricando...

Il si alla donazione sulla Carta d'Identità

Dopo la nostra interrogazione a risposta a scritta, e la scelta lungimirante dell'ass.re Manzoni riportata nella sua risposta, questo l'intervento di Brescia per Passione sui giornali cittadini.



Carta d’identità: Consenso o Diniego della donazione organi è un segno di civiltà

Gentile direttore, 
come Gruppo Consiliare in Loggia abbiamo deciso di raccogliere la sollecitazione pervenutaci da molti cittadini bresciani al fine di rendere possibile l’espressione del consenso, o del diniego, alla donazione di organi e/o tessuti direttamente sulla propria carta d’identità.
Una pratica per ora resa possibile in pochissimi Comuni italiani ma che, con una circolare interministeriale di pochi mesi fa, viene autorizzata e dichiarata assolutamente legittima.
Con un’interrogazione scritta all’assessore competente, abbiamo chiesto che il nostro Comune possa dotarsi di tale strumento al più presto, convinti che possa aiutare molti più cittadini bresciani ad esprimere con chiarezza e facilità la propria volontà in tal senso e, di conseguenza, ad incrementare il numero di trapianti, pratica necessaria come efficace terapia per alcune gravi malattie e unica soluzione terapeutica per alcune patologie altrimenti non curabili.
Siamo soddisfatti della risposta positiva dall’assessore, che fin dal luglio 2015, ha avviato le procedure per dotare gli uffici anagrafici comunali degli strumenti (informatici e non) necessari al fine di garantire questa possibilità a tutti i nostri concittadini. 
Entro pochi mesi tutti i cittadini bresciani avranno la possibilità di indicare al momento del rilascio/rinnovo della carta d’identità la propria volontà in merito alla donazione degli organi/tessuti dandone trasmissione contestuale e automatica al Sistema Informativo Trapianti. 
Un provvedimento che raggiunge un triplice risultato: semplificherà il percorso delle persone malate che necessitano di trapianto, garantità la scelta dei donatori e tutelerà chi invece tale scelta non intende percorrerla. 
Un risultato positivo per l’intera collettività senza ledere alcun diritto individuale.
Condividiamo la scelta lungimirante dell’assessore Federico Manzoni, riteniamo questa lettera l’occasione per contribuire a far conoscere tale possibilità ai suoi lettori, speriamo ora che altri amministratori comunali della Provincia, sollecitati dal nostro provvedimento, scelgano di garantire tale possibilità alla totalità della popolazione provinciale.

Mafalda Gritti
Fabrizio Benzoni

Gruppo Consiliare Brescia per Passione




Reazioni: 
mafalda gritti 5008825201826996118

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti