benzonifabrizio
Sto caricando...

Droga, morti e ipocrisie

Sono passate quasi due settimane dalla morte di un 16enne, Lamberto Lucciconi, per un overdose di ecstasy presso il Cocoricò di Riccione.




Ora, con un duro provvedimento, il questore di Rimini impone la chiusura forzata di 120 giorni del locale.

Frequento da sempre le discoteche; ho conosciuto nell'arco della mia vita, proprietari senza scrupoli fatti e strafatti ad ogni serata, altri invece aggirarsi nei bagni per far intervenire i buttafuori al primo movimento strano; ho conosciuto proprietari intenti solo a massimizzare i propri profitti ed altri sobri fino all'ultimo istante della serata per controllare che nessuno varchi i cancelli del proprio locale alla guida ubriaco.

Non conosco il proprietario del Cocoricò, non so a quale delle due categorie esso apparenga, ma non è quello il punto.

Viviamo nel paese del moralismo, dove nascondere la polvere sotto i tappeti è la normalità, perlomeno fino a quando il tappeto esplode e, a quel punto, si butta via tutto.

E' cosi negli stadi, dove di convive con la violenza fino a quando accade di qualcosa di grande e allora, ogni volta, si promettono interventi esemplari;

E' cosi con la prostituzione, fenomeno con cui conviviamo quotidianamente, ma su cui "abbiamo" la coscienza pulita perché è "vietata";

E' così con gli spinelli; non sono legali, perché diciamo che fanno male, ma visto che sappiamo essere un fenomeno diffuso, non solo fra i giovanissimi ma, come hanno dimostrato Le Iene, anche nelle aule del Parlamento, ne permettiamo l'uso personale. 
Condanniamo lo spaccio insomma, ma non il consumo, un po' come dire che è legale andare in autostrada a 200 all'ora ma non è legale possedere un'autovettura. (ho già scritto di come la penso)



Lo facciamo con la Ludopatia. Sappiamo i danni che provoca al nostro paese, ma sono troppe le entrate immediate che ne derivano e quindi, combattiamola in silenzio per ora.

La vicenda del Cocoricò è l'ennesima occasione in cui dimostriamo questa mentalità all'italiana, quel del nascondersi dietro ad un dito fino a quando non accade qualcosa di grave, e, solo allora, ci si scatena con reazioni spropositate e senza senso.

Oggi avremo 4 mesi di chiusura per un singolo locale (se sopravviverà a tale chiusura), per i prossimi 2/3 week end ci saranno controlli a tappeto in tutte le discoteche della Riviera Romagnola.

E poi?

E poi si tornerà alla normalità, a far finta che nei locali, in tutti i locali, i giovani non facciano uso di droga, si tornerà a non aiutare i gestori onesti a far prevenzione, si tornerà a non punire quelli senza scrupoli. 



Fino a quando?

Bhe ovvio, fino alla prossima morte!
Reazioni: 
stadi 1019644436606485049

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti