benzonifabrizio
Sto caricando...

Robin Williams, i suoi personaggi, i messaggi che ha lasciato.

Stamattina Facebook era un invasione di link e foto dell'attore Robin Williams, scomparso all'età di 63 anni.

Qualcuno tra i miei conoscenti, ha provocatoriamente sottolineato come questa grande mobilitazione mediatica non avvenga nei casi delle morti quotidiane, delle morti bianche e via dicendo.

Credo che la voglia di pubblicare qualcosa su Facebook in ricordo di un attore o di un personaggio famoso, sia qualcosa che provenga dall'istinto. Non tanto per la persona in sè, che evidentemente nessuno di noi conosce e il cui dolore riguarda la famiglia, bensì per i personaggi che ha interpretato e in cui, in qualche modo, ci siamo immedesimati nell'arco della nostra vita.




L'attore che, se verrà confermato, si è tolto la vita dopo una lunga depressione, è lo stesso che con Patch Adams ci ha insegnato come la buona salute è una questione di risate. Il sorridere come strumento per una vita migliore. La depressione sia una brutta malattia, spesso sottovalutata, che deve imporre di star vicino alle persone che ci dicono, anche solo per un istante, ho bisogno, sono giù!

Lui non ci sarà più ma rimarrano i suoi personaggi con cui ci ha fatto sognare, ci ha fatto emozionare, ci ha vivere esperienze con cui, in qualche modo siamo cresciuti. Quei ricordi, quelle sensazioni, quel voler sognare, quel senso di imitazione nei confronti dei suoi personaggi, ce lo faranno ricordare in un modo molto diverso da come probabilmente era l'attore in sè.

Personalmente lo associo a  due scene, due scene che rimarranno nella storia, almeno nella mia, per sempre.




Reazioni: 
Ubicazione: Los Angeles, California, Stati Uniti
scomparsa 5571488693236285284

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti