benzonifabrizio
Sto caricando...

Voterò perchè...

Sono quasi 10 anni che voto, mai, come in questa occasione, sono stato cosi indeciso sull'andare o meno al seggio.




Ho seguito con più interesse su twitter il dibattito dei #fake rispetto a quello dei #big. 

Big che si sono concentrati sull'insulto e si sono fermati ad una battaglia euro contro #noeuro.
Nessun riferimento a quello che l'Europa ci da è può darci, niente sul fatto che il nostro paese è fra gli ultimi per la quantità di fondi europei che è capace a chiedere e spendere, niente sulle politiche europee per cui combatteranno. Tutti la vogliono cambiare, qualcuno ci vuol far uscire, pochi parlano di progetti reali.

Per non parlare poi delle liste: ci si trova di tutto, da quelli senza alcuna esperienza amministrativa che vorrebbero essere calati direttamente nel parlamento europeo, a quelli "segati" dal parlamento, ai pregiudicati, al peggio della politica che cerchiamo di mandare a Strasburgo.

Laura Castelletti ha espresso bene lo stupore nel non essere stati coinvolti da nessuno per il sostegno ad un candidato europee, quasi che nessuno ne avesse bisogno, tutti già con la vittoria in tasca.

Ci sarebbero tutte le premesse per non votare ma in un anno di politica "attiva" ho imparato due cose:

  1. Non votare equivale a non poter lamentarsi. Votare è un diritto e un dovere, bisogna cercare di farlo al meglio, documentandosi, informandosi e controllando l'operato di chi si è votato giorno per giorno, non dieci giorni prima delle elezioni.

  1. Al di la dei partiti, dei movimenti, delle liste, quello che contano sono le persone. Singole persone che devono conquistare la nostra fiducia. Mettere la preferenza è un obbligo, sia per riuscire a premiare nelle lunghe liste le persone di cui ci fidiamo, sia per evitare che a fare le scelte, anche all'interno delle liste, siano solo le "truppe cammellate" con ordini dall'alto. Noi italiani non siamo abituati a farlo, dobbiamo imparare.

Allora domenica andrò a votare proprio seguendo i due punti che sopra ho descritto . Lo farò mettendo la preferenza alla capolista del PD per la nostra circoscrizione, Alessia Mosca. Lo faccio perchè è una donna, perchè è concreta, per è giovane ma non troppo giovane, perchè è competente, perchè alle trasmissioni televisive a preferito il contatto con le persone. Guardate il suo sito e fatevi un'idea



Per molti di noi, però, domenica vuol dire anche elezioni amministrative. Qui la cosa è ancora più importante. Sopratutto nei piccoli paesi, non esistono i partiti, esistono le persone. Tante persone che conosco e di cui mi fido si sono messe in gioco. Spero tanti di loro, che di seguito elencherò, possano ottenere la fiducia delle persone del proprio paese. Servono giovani, servono idee, serve onestà.

Parto dal mio comune di residenza, Puegnago del Garda. Qui c'è bisogno di un cambio di passo, i tempi delle speculazioni edilizie, dei sottopassi inaugurati e inutilizzati, della valorizzazione ambientale fasulla spero possano finire. Ecco perchè voterò per la Lista Comunità Puegnago con Cristina Toselli sindaco. Lo farò mettendo la preferenza su Renata Coltrini. Due donne, brave, preparate, coraggiose, grintose, oneste. Una da tempo si batte in consiglio comunale, l'altra spero possa iniziare a farlo a breve.



Poi ci sono gli amici che si candidano Sindaci e che voterei se solo potessi.

Gianpiero Bressanelli candidato Sindaco a Sellero, Ancora insieme per Sellero e Novelle



Andrea Volpi giovanissimo (ma molto competente) candidato Sindaco di Sirmione




E poi i tantissimi candidati consiglieri, al di la della collocazione della lista in cui sono candidati:

Bovezzo, Sara Ghidoni, Centrosinistra Civica Bovezzo, Bazzani Sindaco

Castenedolo, Alessandro Mariani, Castenedolo Democratica, Giambattista Groli Sindaco

Ghedi, Rocco Miggiano, La Civica Città di Ghedi, Walter Migliorati Sindaco

Leno, Olmo Prudenzi, Lista Civica Sindaco Tedaldi, Cristina Tedaldi Sindaco



Nuvolento, Federica Taddei, Nuvolento Insieme, Giovanni Santini Sindaco




Padenghe, Marilena Gabana, Lista Civica Padenghe con te, Patrizia Avanzini Sindaco

Paderno Franciacorta: Stefania Buila, Uniti per Paderno, Silvia Gares Sindaco

Salò, Giorgia Castelletti, Generazione Salò, Giorgio Toffoletto Sindaco



Sarezzo, Rudi Gatta, Popolari e Democratici, Diego Toscani Sindaco

Rudiano, Fabrizio Pasolini, Cittadini al Centro, Alfredo Bonetti Sindaco



Evado anche dalla Provincia. Due campagne elettorali mi hanno entusiasmato. La prima quella per Casoldo, dove candidato sindaco c'è Carlo Cattaneo, uno che studia, che si prepara, che si impegna per questo ruolo e se lo merita davvero.



L'altra è la coraggiosissima Veronica Rigoni che ha creato una squadra di giovani per Creazzo Nel Cuore, una squadra, che in un paese normale, meriterebbe di vincere con cappotto!



Spero vivamente di non aver dimenticato nessuno e in caso mi scuso!









Reazioni: 
Ubicazione: Puegnago sul Garda BS, Italia
voto 8493702585705199724

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti