benzonifabrizio
Sto caricando...

Presentazione della futura Variante al PGT (Appunti dalla Commissione Urbanistica)

L'ass.re Tiboni illustra le linee di indirizzo alla Variante al PGT che questa amministrazione vuole effettuare.




Perchè una variante innanzitutto allo scorso PGT?

  • adeguare il PGT alle linee amministrative di mandato che il Sindaco Del Bono si è dato
  • Supportare con il PGT la crisi nelle sue sfaccettature (non sarà evidentemente risolutivo ma sarà uno strumento facilitatore)
  • dispersione degli insediamenti e frammentazione del verde nel precedente PGT
  • Vuoti urbani nel tessuto urbano
Di fronte ad uno scenario come questo, va ripensata la proposta di Piano del Governo del Territorio, rispetto al PGT Paroli-Vilardi che vedeva Brescia Città Metropoli (una città da 220.000), questa amministrazione ritiene non sia l'approccio quantitativo a risolvere i problemi ma ci debba essere un approccio di tipo qualitativo.




Obiettivi:
  1. Rigenerazione del tessuto verde
  2. Incentivare Nuove Produttività: impensabile pensare alla vecchia vocazione industriale, ma dobbiamo adeguare la città alle nuove forme di produttività con requisito di sostenibilità e di compatibilità con l'ambiente naturale e quello antropico.
  3. Affrontare il patrimonio immobiliare residenziale e non invenduto. Cosa ne facciamo? Come ragioniamo rispetto alle volumetrie ancora non realizzate?
  4. Recupero delle Aree dismesse come principale strumento della rigenerazione urbana.
  5. Non caricare l'amministrazione di ulteriori costi di manutenzione di opere private ad uso pubblico.
  6. tendenziale azzeramento del consumo di Suolo. Si cercherà di fare in modo che la vocazione agricola venga mantenuta affrontando il tema dei diritti pregressi. L'obiettivo è quello di una rinegoziazione con i proprietari combinandolo con il recupero delle Aree Urbane dismesse come strumento di rigenerazione urbana.
  7. Rigenerazione urbana attraverso il recupero energetivo e messa in sicurezza del territorio
  8. Sviluppo di mobilità sostenibile

Come farlo?



  1. rigenerazione della struttura ambientale del territorio cittadino individuando nel Parco delle Colline, nel corridoio ecologico del Mella, nel Parco agricolo di San Polo e nel Parco delle Cave i capisaldi sui quali fondare il nuovo disegno di rete ecologica comunale
  2. promozione e lo sviluppo dei "Contratti di Paesaggio
  3. attribuzione alle aree agricole periurbane di un ruolo importante anche come opportunità di sviluppo e rilancio economico.
  4. revisione degli studi idrogeologici e sismici
  5. definire un nuovo ruolo per il centro storico
  6. individuare, per ogni quartiere della città, una disciplina calibrata sulla natura dei tessuti che lo compongono
  7. sostenere la vocazione commerciale storica di alcuni ambiti urbani
  8. rompere lo schema monofunzionale ci alcune aree urbani (vedi Brescia2, molto viva nei giorni lavorativi, deserta nei weekend)
  9. promuovere nuove forme di attenzione agli spazi aperti pubblici
  10. definire un programma di rigenerazione urbana
  11. dotare il PGT di Norme snelle ma chiare
  12. recupero di vaste aree dismesse
  13. invertire la tendenza a tradurre le aree industriali dismesse in strumenti per fare rendita incentivando le attività di Green Economy
  14. accompagnare i processi di recupero di aree dismesse, per esempio riqualificazione dell'area della Piccola
  15. incentivare la partecipazione a finanziamenti di fondi europei per progetti di trasformazione qualificati
  16. migliorare la mobilità
  17. confronto costruttivo tra le ipotesi di pianificazione della Variante e il contenuto del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile
  18. riduzione del bisogno di spostarsi attraverso la ricollocazione dei servizi nei quartieri

Con quali tempi?




Reazioni: 
variante 4823556652654826791

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti