benzonifabrizio
Sto caricando...

Ludopatia = Davide contro Golia: ieri sera Golia ha colpito!

Solo pochi giorni fa ho scritto un post che festeggiava l'approvazione all'unanimità di una mozione sulla ludopatia, mozione con cui il nostro Consiglio Comunale si impegnava a combattere il fenomeno nel nostro comune, oltre a richiedere al Governo, competente sul tema, di intervenire al più presto!!!




Una mozione a cui tenevamo molto anche perchè, il gruppo Sociale della nostra associazione, da mesi sta lavorando e documentandosi sul tema!

Un tema scritto a CHIARE LETTERE nel nostro programma elettorale!!

Pochi giorni dopo la maggioranza ha voluto fare una conferenza stampa. Parlano i capigruppo, come sempre, Malfada assente per un precedente impegno, vado io!
Maffi mi da un consiglio, prendi la cosa più importante che ritieni, pensala in una sola frase, vedi che sia incisiva e vedrai che i giornalisti la riprendono.

Così è stato e, del suo lungo e argomentato intervento, ho scelto tre concetti e una metafora.
Queste le mie parole. Si dice ludopatia, si legge Davide contro Golia. Da un lato Regioni, Comuni, amministrazioni locali e associazioni che cercano di combattere questo "cancro" della società, dall'altro lo stato, che vittima delle lobby, quelle del gioco, quelle dell'usura, quelle della malavita, non riesce mai a legiferare sul tema!

Questo il concetto che ci interessava passasse perchè dal lavoro in associazione sia emerso come una delle maggiori criticità per la risoluzione del problema.

Queste sono state in effetti le parole riportate il giorno dopo sui giornali.


dal Bresciaoggi

dal Giornale di Brescia

Quasi fossimo dei veggenti, ieri sera Golia è intervenuto.

Durante la conversione di un decreto legge recante misure finanziarie urgenti in favore di regioni ed enti locali ed interventi localizzati nel territorio, il famoso decreto salva-Roma, è passato un emendamento presentato dal Nuovo Centro Destra ma approvato anche con i voti di PD e Scelta Civica.




Un emendamento che taglia i trasferimenti dello Stato a quelle amministrazioni locali che, con norme più restrittive, bloccano l'apertura di nuove sale slot. In pratica, si puniscono quei comuni o quelle regioni che si oppongono al facile dilagare del gioco d'azzardo legale, in coerenza con il principio di perequazione ed equilibrio finanziario.

Ecco il testo:

“In coerenza con il principio di perequazione ed equilibrio finanziari tra livelli di governo, ed in attuazione dello stesso, qualora interventi legislativi regionali ovvero regolamentari di autonomia degli enti territoriali, aventi ad oggetto misure in materia di giochi pubblici riservati allo Stato non coerenti con l’assetto regolatorio statale di settore, determinino nel corso di un esercizio finanziario minori entrate erariali, anche di natura non tributaria, ovvero maggiori spese statali, anche a titolo di eventuale risarcimento del danno nei riguardi dei concessionari statali per la gestione della raccolta dei giochi pubblici, a decorrere dall’esercizio finanziario successivo sono attuate riduzioni degli ordinari trasferimenti statali a favore delle regioni ovvero degli enti locali che hanno deliberato tali interventi in misura corrispondente all’entità delle predette minori entrate ovvero maggiori spese. Le riduzioni cessano a decorrere dal momento nel quale tali interventi legislativi e regolamentari sono abrogati o revocati o comunque modificati in modo tale da risultare coerenti con l’assetto regolatorio statale in materia di giochi pubblici”

Questo l'elenco di coloro che hanno votato a favore:




Ecco, oltre al danno, la beffa. Non solo fino ad oggi non si era legiferato, ma ora lo si fa per punire quei comuni che coraggiosamente stanno facendo la loro parte, nel nome delle tasse che stanno facendo perdere al governo centrale!!!

Speriamo che l'intervento odierno di Matteo Renzi che ha chiesto al suo partito di rimediare a qualcosa che non si può spiegare perchè è inspiegabile, serva per tornare indietro.

Forse, ci sarebbero dovuti arrivare da soli quei senatori, quelli in particolare che hanno propri rappresentanti direttamente nelle amministrazioni, quelli che se non hanno capito il danno che stavano producendo, evidentemente, hanno perso completamente il rapporto con i territori stessi da cui provengono.

Noi, purtroppo o fortunatamente, non abbiamo rappresentanti in Parlamento. E' forse anche per quello che ogni tanto possiamo permetterci di mandare tutti a quel paese e ribadire il fatto che siamo liberi di urlare: NO SLOT!!!!



Reazioni: 
Ubicazione: Palazzo della Loggia, Piazza della Loggia, ., 25121 Brescia BS, Italia
slot machine 829077078722731728

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti