benzonifabrizio
Sto caricando...

Appunti dalla Commissione Partecipate e Commercio: audizione sul caso Fiera

Dopo tutte le notizie apparse sui giornali nei giorni scorsi sul caso fiera e di cui ho ampiamente parlato su questo blog, la Commissione Consiliare al Commercio congiuntamente a quella di cui sono membro e segretario, Bilancio e Partecipate, ha deciso di audire i presidenti di Immobiliare Fiera e Brixia Expo per capire meglio ciò che sta accadendo.



Tre sono i punti sostanziali emersi dalla commissione:

  1. Il presidente di Immobiliare Fiera e di Brixia Expo non hanno avuto alcuna voce in capitolo rispetto alle scelte annunciate dal presidente della Camera di Commercio per la chiusura della Fiera di Brescia verso un nuovo progetto
  2. Entrambi i presidenti hanno rimarcato l'importanza della Fiera di Brescia per l'indotto e l'economia locale
  3. Ancora poco conoscono, anche loro, del nuovo progetto che dovrebbe prendere il posto della fiera.


Di seguito gli appunti che ho preso durante la discussione


Carlo Massoletti, presidente di Immobiliare Fiera



  • Resoconto della questione oneri di urbanizzazione: inizialmente previste nell'accordo strade di collegamento in tutta la zona a sud della fiera, in parte sono state realizzate, in parte no. Con l'amministrazione Paroli si era deciso di non completare tali opere perchè ritenute inutili, condividendo di modificare l'accordo portando alla ristrutturazione del ciambellone per un Palazzetto dello Sport da 3.500 posti. Del Bono ha preso in mano tale accordo portando il Progetto del Palazzetto dello Sport a 5.000 posti.


  • Per quanto riguarda le perdite dell'immobiliare, pari a circa 2,2 milioni di euro l'anno scorso, circa 900.000 sono per ammortamenti, 400.000 euro per oneri vari e gli altri per i costi di manutenzione e gestione dell'immobile. Il presidente ha ricordato l'incidenza molto alta delle bollette energetiche sul totale.


  • Non ci siamo mai posti il problema che l'ente perdesse, o meglio ci siamo posti il problema di ridurre tali perdite ma la ricchezza prodotta indirettamente dalla Fiera, anche se in perdita, è un valore aggiunto per la città per l'indotto economico che crea (il 5% del settore alberghiero bresciano vive di quello, per esempio).


  • Forte intesa con la società di Gestione tanto da praticare al momento un affitto virtuale del padiglione per permettere di meglio investire e gestire le manifestazioni fieristiche.


  • Sul famoso Parco Tecnologico, il presidente non è stato in grado di entrare nei dettagli perchè non li conosce


  • Ha anche ricordato che la Fiera di Brescia è l'unica a non aver ricevuto fondi dalla Regione Lombardia. Con tali fondi, pari a quelli ricevuti da Bergamo, la situazione economica sarebbe completamente differente.

Piergiorgio Piccioli, presidente di Brixia Expo




  • Il presidente della società di gestione ha tenuto a spiegare l'utilità del sistema fieristico per la nostra città, criticando la scelta del sindaco Del Bono di dichiarare la fiera di Brescia morta. Ha fornito dei dati che rilevano come a fronte di circa 4 milioni di euro di fatturato diretto tra fiera ed organizzatori, l'indotto economico per la città si possa ipotizzare in un range dai 30 ai 40 milioni di euro secondo alcuni studi dell'Università Bocconi.


  • Sul progetto Nigiri dice di aver avuto notizia solo all'assemblea camerale del progetto attraverso l'esposizione "di un signore" che ha venduto un progetto senza entrare particolarmente nei dettagli. Un'esposizione che non è entrata nel concreto e che ha visto la perplessità in particolare di 7 consiglieri camerali non tanto sul progetto nuovo, quanto sulla decisione improvvisa di chiudere la fiera.


  • Ha ricordato come solo Lodi e Rovigo non posseggono una fiera nel Nord Italia e come proprio nella stessa giornata si sia annunciata il nuovo evento Gluten Free che ha già visto l'adesione di 21 delegazioni internazionali (Dental expo che è l'ultima fiera fatta ne aveva viste 51).


  • Le fiere piccole possono ancora reggere la concorrenza perchè possono puntare sulle nicchie.


  • La Fiera continuerà a perdere nei prossimi anni anche se sempre di meno, alcuni costi di avvio non ci saranno più, la ri-contrattazione dei costi energetici permetterà risparmi. Il Piano Economico vedeve ridursi drasticamente le perdite dei prossimi anni, da 2 milioni per il 2013 a 600 mila euro circa nel 2016, conti che richiederebbero al comune l'impegno di circa 30.000 euro all'anno.


Dopo la loro relazione siamo sono intervenuti vari commissari per porre domande e incrementare il dibattito.

Inizio dal mio intervento e riassumo poi quello di alcuni dei commissari

Fabrizio Benzoni - Brescia per Passione



  • ho chiesto il perchè si sia scelto nel passato di avere due differenti società, una immobiliare e una di gestione, per altro con la maggior parte dei membri dei cda uguali, che hanno una stessa visione tanto da non far pagare l'affitto l'una all'altra, piuttosto che preferire una gestione unica. il presidente Massoletti ha spiegato  come fosse un allora vincolo della Regione Lombardia e come, la scelta di mantenere identici i due cda, fosse nell'ottica di ragionare nello stesso modo fra immobiliare e gestore oltre che impedire il doppio costo dei due cda. E' in studio una fusione fra le due società.
  • ho ricordato al presidente Piccioli che citava le dichiarazioni del sindaco Del Bono, che è stato il presidente della Camera di Commercio, Franco Bettoni, ha dire ben prima e con una quota di maggioranza della Fiera, che la stessa si poteva considerare morta.
  • Ho chiesto se i due presidenti fossero stati coinvolti nella scelta del nuovo progetto o se fosse una scelta altrui che ricade sulle loro decisioni. Ho chiesto inoltre se questi gossip di stampa stiano incidendo sull'attività di programmazione delle prossime fiere che fino a prova contraria continueranno ad essere organizzate per il prossimo futuro. Mi hanno entrambi risposto di non essere stati a conoscenza del progetto in se prima della Riunione Camerale del 28 ottobre. Il presidente Piccioli ha spiegato inoltre come l'attività di programmazione continui ovviamente con qualche difficoltà in più rispetto a prima.
  • Ho chiesto inoltre di avere maggiori dettagli sulle linee industriali e sulle previsioni dei conti anche di Immobiliare fiera per i prossimi anni.

Adriano Paroli - Forza Italia


  • ha chiesto perchè, se fino a ieri è sempre stato impossibile progettare nel ciambellone un palazzetto da più di 3.500 posti, oggi Del Bono ne prometta allo stesso costo uno da 5.000. 
Massimo Tacconi - Lega Nord 


  • "Fiera e Palazzetto sono due operazioni distinte e che non vanno mischiate"
  • "le perdite per la fiera sono inferiori all'indotto prodotto, la comunità ci guadagna"
  • "La Lega Nord è sempre stata contraria all'apertura della fiera, ritenuta un doppione di Montichiari, ora chiede di mantenere gli investimenti effettuati e aprire una collaborazione con Montichiari stessa" - ha risposto Piccoli ricordando come da molti anni si cerchi una collaborazione che non è mai stata possibile con Montichiari. Ricorda inoltre che senza la Fiera di Brescia, anche la Fiera di Montichiari sarà in difficoltà
  • "Attenzione ai Congressi, Milano non ha più spazio, a Brescia non si è mai invece investito su questo aspetto"
Nini Ferrari - X Brescia


  • Ha chiesto maggiori dettagli riguardo alla compatibilità del Palazzetto da 5.000 persone rispetto all'attività fieristica dal punto di vista logistico - organizzativo
  • quali garanzie sono state date per il nuovo progetto
  • ha chiesto al presidente Massoletti la motivazione per la quale la fiera di Brescia è l'unica a non aver mai ricevuto fondi dalla Regione Lombardia - nessuno ha saputo dare risposte
Nicola Gallizioli - Lega Nord


  • nel nuovo progetto c'è qualcosa che non funziona, potremmo chiamarlo "Bettoniland"
  • ha chiesto che si possano insediare maggiori spazi commerciali nei dintorni della Fiera, magari limitandoli al commercio per esempio di mobilio o altri settori che non andrebbero in contrasto con quanto presente nel centro storico
  • Ha chiesto che venga valutato l'impatto ambientale del nuovo progetto in commissione urbanistica
  • "il consiglio comunale deve valutare l'impatto ambientale di Bettoniland sulla città
  • molte categorie di professionisti hanno dichiarato che a loro la fiera serve
Francesco Onofri - Piattaforma Civica


  • ha richiesto la reddività delle altre fiere, Piccioli ha risposto con dati molti peggiori della Fiera di Brescia
  • ha richiesto la possiiblità di investire su una fiera di auto d'epoca
Margherita Peroni - Forza Italia


  • ha chiesto si possa audire il presidente Bettoni 
  • la richiesta che si valuti non solo il bilancio finanziario ma anche quello complessivo per la città
Fabio Capra - PD


  • ha ricordato come il Comune abbia un ruolo marginale, possedendo solo il 5% contro il 67% della Camera di Commercio e l'8% dell'Associazione Industriali
  • ha confermato l'impossibilità di dialogo con Montichiari, più volte ricercato




Reazioni: 
Ubicazione: Brescia BS, Italia
immobiliare fiera 1502489782118206429

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti