benzonifabrizio
Sto caricando...

E tu di che pirlo sei?

Non so come sono arrivato a questo blog e soprattutto a questo post, però mi ha fatto sorridere perchè sostanzialmente, mi riconosco perfettamente nella classificazione che l'autore fa delle persone a seconda del posto che scelgono per bene l'aperitivo a Brescia. Voi cosa ne pensate?



Riporto pari pari dal blog

 
IL PIRLO DI PIAZZA ARNALDO:
un classico della Brescia bene borhese o che aspira a farne parte.
Qui il pirlo è a portata di auto, possibilmente di grossa cilindrata e lavata nel pomeriggio.
Ci si saluta con “ciao vecio”, si mette la camicia bianca inamidata e il mocassino, si parcheggia in doppia fila.
Ci si telefona da un bar all’altro chiedendo “dove sei?”, poi ci si aspetta, poi una volta insieme si aspetta, insieme, qualcun altro.
Qui le donne sono tutte giovanissime, o vorrebbero esserlo.
Qui ci sono le fighe.
Da guardare, come in un acquario : a volte sembrano essere in affitto, come certe Lamborghini arancioni o viola che girano come squali intorno ad Arnaldo…che se potesse parlare!
Si è tutti amici su facebook ma quando ci si incontra non si sa cosa dire.
qui i neri ci sono, ma vendono le rose e i cd tarocchi.
Sotto Natale si svuota ” perché sono tutti a Campiglio”.
Il pirlo costa 6 euro… sì ma mangi quanto vuoi.
Si passa la serata a decidere dove andare a cena, poi si va sempre nei soliti 2 posti che ti danno da mangiare dopo le 22.30.
Si torna in piazza a vedere chi c’è.
Ventenni viziati, trentenni pelati, quarantenni arrivati, cinquantenni divorziati.
Tanti, troppi pippati.
Sul muro c’è una scritta anonima che è una definizione, uno sfregio: trentenni pelati piazza Arnaldo.
L’ha fatta sicuramente un comunista…o un frocio.
O un frocio comunista.
Si chiude al Pagodino, che” l’hanno rifatto, è uguale a prima, era strapieno, c’era figa….”





Il PIRLO ALTERNATIVO

E’ il pirlo della Torre, o del Gasparo e del Bianchi.
È il pirlo dei radical chic, con la bicicletta, meglio se vintage.
Qui si parla di musica e film( piratati) perché la cultura è di tutti, e non si paga.
Qui tutti leggono, ma nessuno compra i giornali  e ci si litiga quelli del locale.
In vacanza si va in un’isola della Grecia che” ti giuro a ferragosto sei in spiaggia in tre…oppure si sta a Brescia, che in agosto è stupenda e piena di iniziative  e a  novembre tanto poi faccio il deserto della Libia da solo a piedi.”
Non ci sono le tartine ma le olive sono dop e non le trovi al supermercato.
Si programma la visita alla mostra di fotografie di Tizio anche se è meglio come scatta Caio…perché quella luce calda della pellicola col digitale non riesci a riprodurla.
Poi non ci si va, perché si fa tardi.
Qui una volta c’era la Brescia vera, era stupendo…ora è pieno di fighetti.
Stasera andiamo a sentire” le luci della centrale elettrica” che è uscito il nuovo album, ma era più bello quello vecchio.
I film è meglio vederli in lingua originale perché solo così cogli certe sfumature….peccato che i cinema del centro non li proiettino…pensano solo a fare la pila e in multisala non vado perché mi fa cagare il pop-corn

La verdura dal fruttivendolo indiano è squisita e costa la metà che al supermercato:
E poi ha anche papaya e mango, che in insalata con i gamberetti sono deliziosi…l’ho imparato quando sono stato a Bali. Ah…non ci sei mai stato? Non vale più la pena, ora fa cagare.
A cena si va al Crivello, dopo cena al Cosmologo, o alla Vecchia praga…e poi Carmen town.
Le sigarette si rollano con tabacco e cartine…perché costano meno  e sono più buone: ora lo fanno tutti, ma io sono stato il primo.





IL PIRLO APPARENTEMENTE “CONTAMINATO”
È il pirlo che si beve in luoghi che  vorrebbero fondere cioè il pirlo alternativo con il pirlo di piazza Arnaldo…o almeno propongono momenti di coesistenza: il caffè n 2 in Piazza Arnaldo( venerdi sera e raramente..), la Pirleria di Elda al Carmine( venerdi e sabato all’aperitivo), il pranzo( attenti solo in quel momento!!!) del sabato al Bianchi e Gasparo.
Nel cuore delle rispettive curve( piazza arnaldo e carmine) luoghi contaminati da presenze dell’altra fazione, anche se solo in certi giorni e a certe ore…

Ecco spiegati quegli straccioni dall’aria supponente che sono lì  fuori dal caffe n 2, ma con l’aria di esserci quasi per caso, che ostentano odio per i fighetti che li circondano.
Sono gli unici che sono lì perché sanno davvero quello che bevono, ovviamente, e un buon drink val bene un giro in questa monnezza…e adesso però andiamo fuori dai coioni…
Che questa città fa schifo…fascisti di merda
Ecco spiegate quelle camice e quei colletti tirati su alla “Cantona” fuori da Elda, inconfondibili, con quell’aria un po’ spaesata tra le viuzze che pullulano di Egiziani, che qui non vendono cd, ma ci vivono e ci vengono a dormire alla fine della giornata.
Speriamo non mi inculino la benna.
Che il carmine è sì rinato grazie a Rolfi….ma non c’è un polotto in giro cazzo!
Avete mai provato a versare un goccio d’olio in un bicchiere d’acqua?
L’effetto è lo stesso, anche a Brescia: condivisione di un contenitore, separazione dei liquidi.
Eccolo il pirlo” contaminato” alla bresciana : stesso posto, nessuna vera fusione,  purtroppo.
Il bello e il buono del pirlo, quando è ben fatto invece, è che non sai dove finisce il campari e comincia il prosecco, e quando e dove interviene il selz.
Farebbe schifo se un sorso fosse solo campari, e quello dopo solo acqua…o no?
Mi piacerebbe  una città che imitasse il suo aperitivo principe: non così rossa per via della presenza dell’acqua e del vino, non così bianca per la presenza del campari: color pirlo insomma.
Una città in cui non sapere se il ragazzo che hai a fianco a ordinare sia per forza ricco, per forza di destra, o per forza progressista superbo e di sinistra…una città in cui sia necessario parlarsi e conoscersi per sapere se ci si piace o no, e  questa scelta non sia delegata per forza all’accettazione passiva di stereotipi così vecchi da essere ridicoli.
Una città in cui ci interessi conoscerlo davvero,per una volta, quello che sta ordinando a fianco a noi.
Ovviamente quando parlo di una città che assomigli  al pirlo, intendo solo quello  col Campari…
quello con l’Aperol , francamente, è da froci e da fighetti
Reazioni: 
Ubicazione: Puegnago sul Garda BS, Italia
pirlo 3959453867988048036

Posta un commento Disqus

Home page item

Seguimi!

Articoli più letti